Non perdete tempo a vivere la vita di qualcun altro. Siate affamati, siate folli.

Energy Coaching

Da un ventennio circa, anche in Italia, il Coaching ha “preso piede” come si suol dire, riconoscendo nei diversi ambiti di applicazione la validità di questo metodo, in quanto strumento utile e di facilitazione atto al miglioramento della qualità della vita, del rapporto con se stessi e con gli altri, favorendo la conoscenza e la consapevolezza di sé, delle proprie risorse e delle aree di miglioramento.

Ecco perché abbiamo i nostri “Energy Coach”, si pongono come “facilitatori” esperti, in supportano delle nostre Risorse Umane, con coraggio e determinazione.

Questo approccio, ci consente di ottimizzare le varie fasi di apprendimento, fondamentali per  affrontare le sfide. Questo metodo, proietta Energia Italia, verso una cultura al “problem solving”, rimanendo focalizzati sulla crescita personale non come concetto “astratto” ma come un’insieme di azioni concrete che consentano alle nostre Risorse Umane di proseguire un percorso composto da, crisi e opportunità, da modelli e creatività, da razionalità ed intuito, insomma un percorso che unisca una multidisciplinareità concepita come diceva Napoleon Hill, una “alleanza di cervelli”. Un’alleanza, intesa come gruppo di persone che si incontrano su tematiche, dove ognuno interagisce in maniera produttiva (e creativa), portando tutti a raggiungere un livello superiore di conoscenza. Questa visione è rafforzata da un altro concetto espresso da Alex Osborn e a noi caro, (autore della tecnica della creatività chiamata Brainstorming), “le persone riescono a concepire il doppio delle idee quando lavorano in gruppo”.

energy coaching icona

Coaching Program

Scopri il programma
  • Studiare  attraverso l’analisi S.W.O.T.  i punti di Forza, Debolezza, le Opportunità e le Minacce dei diversi team di lavoro aziendali
  • Rilevare, sviluppare e pianificare le Esigenze formative
  • Sviluppare il Pensiero Critico
  • Sviluppare la Cultura d’impresa
  • Sviluppare la Cultura alla formazione pro-attiva
  • Sviluppare la Cultura all’interdipendenza
  • Sviluppare la Cultura dell’abbondanza
  • Sviluppare la Cultura agli obiettivi KPI
  • Sviluppare la Cultura al Cambiamento
  • Sviluppare la Cultura alla Motivazione Intrinseca
  • Sviluppare la Cultura al Goal Setting
  • Sviluppare la Cultura al G.R.O.W. Model
  • Sviluppare la Cultura alla Leadership
  • Sviluppare la Cultura alla resilienza
  • Sviluppare la Cultura al Team Building
  • Sviluppare la Cultura alla Gestione delle Obiezioni
  • Sviluppare la Cultura ai feedback 
  • Sviluppare la Cultura alla Corporate Identity 
  • Incontri periodici One to One, One to Team, One to All con le R.U. di Energia Italia

Sviluppo, pianificazione e programmazione formazione HR

Scopri di più

L’Energy Coach, insieme all’Area Formazione, si occupa di sviluppare, pianificare e programmare le Esigenze Formative delle Risorse Umane. L’obiettivo, consiste sia nello sviluppo di conoscenze, abilità e informazioni possedute dal personale strutturato (già in forza all’Azienda), che alle future Risorse, così facendo, si genera a diffusione di valori e modelli di comportamento.  

Le Aree H.R. e Formazione, in un’ottica di “interdipendenza”, lavorano nella realizzazione di un’iniziativa formativa che richiede di seguire un processo articolato su quattro fasi

1.

La prima fase è l’analisi dei fabbisogni, ovvero un’attività di analisi organizzativa, sociale e/o psicologica volta ad identificare i bisogni cui la formazione deve rispondere. Questa fase ha caratteristiche che variano notevolmente in relazione alla natura dei percorsi formativi da progettare. 

2.

La seconda fase è rappresentata dalla realizzazione del piano formativo, ovvero la vera e propria progettazione dell’intervento. Essa riprende gli obiettivi sui quali si è stabilito un livello di accordo sufficiente tra i diversi attori coinvolti e li traduce in azioni volte a favorire l’apprendimento. 

3.

La terza fase è l’erogazione, ovvero la concreta attività di svolgimento dell’intervento formativo. L’erogazione è direttamente legata all’abilità con la quale gli attori principali (docenti e partecipanti) interagiscono, insieme alla natura dei metodi didattici impiegati. 

4.

La quarta e ultima fase è la valutazione del percorso di formazione dei partecipanti. Feedback, Relazione di fine formazione, S.W.O.T. Analysis.

“Il Miglior minuto che spendi è quello che investi sulle persone

ERUOALODODOD

efoajioszckask.zmcalfla
icon-angle icon-bars icon-times